Disoccupazione Frizionale

disoccupazione frizionale

Con il termine disoccupazione frizionale si fa riferimento ad una forma di disoccupazione temporanea frutto delle imperfezioni del mercato del lavoro. Viene definita frizionale in quanto scaturisce dal normale turn over dei lavoratori e dalla difficoltà della domanda di lavoro di riuscire ad incontrare l’offerta di lavoro in poco tempo per via della scarsa mobilità geografica e professionale dei lavoratori e dalla scarsità delle informazioni.
In parole povere vi sono delle frizioni che rendono particolarmente difficoltoso il collocamento immediato dei disoccupati nei posti di lavoro disponibili e l’abbinamento tra i posti di lavoro disponibili e i lavoratori in cerca di occupazione.

disoccupazione frizionale

I principali fattori che vanno a determinare la disoccupazione frizionale sono la durata della ricerca del lavoro e la dinamicità del mercato dei beni e dei servizi. La disoccupazione frizionale è maggiore quanto più spesso i lavoratori cambiano lavoro e quanto più tempo sono disposti ad aspettare prima di accettare un lavoro. Ad influenzare la durata di ricerca di lavoro vi sono vari fattori come ad esempio le aspettative dei lavoratori e il sussidio di disoccupazione. Quest’ultimo, infatti, può portare molti disoccupati a rifiutare le prime offerte di lavoro, prolungando di conseguenza la durata della ricerca.

Leggi Anche

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi